"Sono trascorsi oltre 6 mesi e siamo quasi alla fine dell’anno ma ancora nessuna  traccia del fondo da 40 milioni di euro, previsti dalla legge finanziaria, per la riconversione  anti-covid delle aziende siciliane. Fatto gravissimo per il tessuto economico imprenditoriale e produttivo"

Lo sostiene il deputato regionale l'On. Carmelo Pullara.

"Molti imprenditori-dichiara Pullara- sono sfiduciati e sul piede di guerra, la legge che hanno visto approvare a maggio dello scorso anno pare si sia trasformata in carta straccia. Il governo in cui hanno creduto, ad oggi, non è riuscito a dare quella risposta diventata un obbligo di legge.

La norma-spiega Pullara-crea un fondo, in capo all'Irfis, di 40 milioni di euro, risorse da destinare a fondo perduto alle aziende che nel pieno della pandemia da Covid invece di chiudere e mettere in cassa integrazione i dipendenti hanno riconvertito le linee per la produzione di dispositivi di sicurezza e protezione.

Ebbene questi DPI ,nella prima fase della pandemia sono stati messi a disposizione della protezione civile regionale e del sistema sanitario. L'Assessore regionale all'economia  Gaetano Armao aveva annunciato che i fondi sarebbero stati resi disponibile entro il 31 dicembre. Non vorremmo che le variazioni di bilancio in fase di discussione e possibile approvazione possano trasformarsi a discapito della legge finanziaria approvata dal parlamento nella tela di Penelope dei giorni nostri.

Va salvaguardato, - conclude Pullara- a tutti i costi, il debole tessuto economico siciliano, e la politica ne ha la responsabilità".

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." />

RispondiRispondi a tuttiInoltra