Soluzioni definitive e non scarico di responsabilità su chi vive in prima linea,  - lo dichiara Carmelo Pullara – intervenendo sulla quasi assurda vicenda che contraddistingue il caos sulla gestione dei rifiuti nel comune di Sciacca e la consequenziale chiusura della vasca di raccolta.

Anche dopo la riunione del 6 maggio scorso non vi è chiarezza sul futuro del servizio di gestione dei rifiuti di Sciacca, una richiesta di ampliamento giace ancora in Assessorato il comune è costretto a ricorrere ad un’ordinanza d’urgenza per scongiurare il rischio per la salute dei cittadini.

Il caos e la confusione sono gli attori principali, serve maggiore incisione dell’azione politica perché indirizzi la burocrazia sul da farsi nei tempi corretti e certi.

Il rimbalzo di responsabilità non aiuta nessuno e non risolve nulla, non fa altro che peggiorare lo stato di vita dei cittadini, contrariamente la burocrazia deve dare soluzioni percorribili e soprattutto che guardino l’interesse della collettività.

Nelle prossime settimane la discussione del disegno di legge sulla riforma dei rifiuti sarà l’occasione per chiarire i rapporti di responsabilità effettiva perché non vi siano più casi di impasse istituzionale.

Carmelo Pullara13